Notizia scritta il 20/06/11 alle 12:03. Ultimo aggiornamento: 20/06/11 alle: 16:29

MIGRANTI: ANCORA IN LOTTA PER IL PERMESSO DI SOGGIORNO, NOTIZIE CONTRASTANTI DA PADOVA, A BRESCIA LA PREFETTURA NON APRE LE PRATICHE DI REGOLARIZZAZIONE

Tensione a , dopo il dietrofront del sindaco Flavio Zanonato, esponente del Pd, sulla riapertura delle procedure per l’ammissione alla truffa del 2009 di quei migranti che avevano visto respinte le loro richieste perché condannati per il reato di clandestinità, poi giudicato dal Consiglio di Stato ininfluente ai fini del rilascio del permesso di soggiorno.

Venerdì scorso sembrava che Prefettura, Questura e autorità cittadine di Padova avessero deciso di scavalcare il Ministero dell’Interno, ancora fermo nella sua incapacità di affrontare la situazione. Le istituzioni padovane avevano riaperto le procedure per circa 100 migranti, da mercoledì in presidio in città, così come sta accadendo, ad esempio, a , Milano, Verona e Massa Carrara.

Ieri pomeriggio però il sindaco Zanonato ha telefonato in Prefettura a Brescia, durante una riunione dedicata proprio alla lotta dei migranti, e ha spiegato che in realtà Padova sta ancora attendendo risposte dal Viminale, smentendo così quanto promesso due giorni prima. I protagonisti della mobilitazione padovana però non mollano e rilanciano la loro battaglia, nel tentativo di ottenere il rispetto dei patti stabiliti venerdì scorso. Da Padova Nicola Grigion, di Melting Pot.

A Brescia come ha reagito il presidio permanente di Piazza Rovetta dopo la decisione della Prefettura di aspettare ancora per le pratiche di regolarizzazione? Lo spiega Umberto, dell’associazione Diritti per Tutti e della nostra redazione.

Condividi:
  • Print
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • MySpace
  • Twitter
  • email

Tag:, , , ,



Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE

Switch to our mobile site